Nessun tempo per la Poesia?

La poesia viene perdonata solo a chi, grazie ad essa, diventa ricco.

Questo è l’imperativo del Secolo. Far quattrini. A qualsiasi prezzo. Perché i soldi fanno il prezzo.

Il successo, la gloria prima d’altri, l’arrivo in libreria, la voglia di essere non tanto letti, men che mai compresi, bensì acquistati: ecco lo scenario del “mercato della cultura” nell’era delle società effimere.

Oh, questo danaro tanto ambito, cosa induce poi? Ansia, psicofarmaci, depressione, ansiolitici, gratta e vinci & perdi lo stesso ad ogni giocata.

Infine, la frase di rito che tutto accompagna: io non ho tempo per passeggiare, per leggere, per conversare, per scrivere, per starmene sulla panchina là, in mezzo al parco. Io non ho tempo… Io non tempo… Non ho tempo.

Chiedete loro: non avete tempo? Ma se siete voi, proprio voi, il tempo che non avete… Forse non avete più voi stessi?

Avanti, Poeti. Non è il vostro tempo, perché non ne hanno più; è invece la vostra ora!

Giovanni Bongo

poesiablog

2 thoughts on “Nessun tempo per la Poesia?

  1. ‘Io non scrivo per Hollywood, non scrivo nemmeno per avere successo. Scrivo per me. Quando scrivo, mi sento meno infelice’. La scrittura, in ogni sua forma, è vita, è passione e non ha prezzo. In ogni parola, in ogni verso, si nasconde un po’ della persona che scrive. Con le parole, lo spirito esprime anche ciò che la voce non pronuncia. In esse, i ricordi ritornano, i sogni urlano, si rimaterializzano le Lune piene sulle cui rotondità, i pensieri si son lasciati cullare. Oh, e la Poesia! Che tutto conosce e tutto puo’! Senza la Poesia, cosa si racconterebbero i nomadi dell’ anima lungo i loro viaggi? No. Non è il guadagno. Non è la fama. Non è il riconoscimento. È sangue, carne, nervi, spirito che scende nel basso più buio, per elevarsi in un alto interminabile. La Poesia è tempo eterno, spazio infinito, la Poesia é tutto, per chi non si accontenta del poco. La Poesia é rabbia, dolore, disperazione. La Poesia é armonia, gioia, pace. La Poesia é rinascere ogni volta. La Poesia é morte. Quando è composta con le unghie e riletta a fatica tra le lacrime. La Poesia é altrove, anche dove nessuna libreria può metterla in vendita. Non privatela della sua autenticità, che è la vostra. Scrivete, quindi, anche solo per rileggervi. Non saranno mai parole al vento. Sarà Poesia, se dal cuore verrà e al cuore tenderà.

    Piace a 1 persona

  2. Sì. Scriviamo col sangue, con la nostra vita, impura e imperfetta. Scriviamo l’ombra, la sofferenza, la fame. Scriviamo la gioia. Scriviamo chi siamo e chi non siamo mai stati. Scriviamo. Ed è libertà. Tra le poche. Scriviamo.

    G. B.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...