Silenzio 43

Cosa sei diventato? Come sei diventata? Cosa significa, per te, amare?

Esci dal ruolo. Esci dal dolo. No, io non ti giudico, ti invito soltanto a seguirmi fino al lago. Là si può riflettere, là ci si può specchiare, nelle acque pure, come in uno specchio.

Rifletti, senza compiacerti e senza pensare – ché pensare è penare. Rifletti. Rispecchia la tua anima con sguardo amorevole. Senza giudicare. Senza parlare. Ecco, questo è amare. 

G. B.