Silenzio 54 (l’assenza)

Di notte hai chiuso gli occhi. Come tutti, come mai prima, come mai più. Per sempre. L’avessi previsto, sarei rimasto e ti avrei tenuta stretta e sveglia io, che non so resistere alla notte. È stato come perdere il respiro: perderti, perdermi. Non ho più avuto il tempo di farmi sorridere da te e nessuno sa bene cosa sia stare nei miei passi. I miei passi: quanti ancora, fino a dove?

Ho domande atroci, ho pensieri gelidi e vorrei parlartene. Vorrei dirti come è stato tutto dacché non sei più stata qui.  Vorrei chiederti consiglio. Dovresti essere presente, ora, per sentire gli effetti della tua assenza.

Che lezione di vita è la morte se non può insegnare più nulla, sulla vita, a chi l’attraversa?

La tua assenza, a tratti, è più presente di me. 

G. B.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...